# 15.d – Ti stanno portando all’altare? (la metafora del MATRIMONIO)

Abbiamo visto che, in negoziazione, è facile tanto farsi trascinare in una GUERRA, quanto ritrovarsi ingabbiati in una trama TEATRALE dal finale già scritto.

Vediamo cosa accade invece quando sentiamo (o ci sorprendiamo a pronunciare) espressioni quali:

  • Prima di legarci definitivamente, ci dovremmo conoscere meglio
  • È una questione di fiducia reciproca
  • Prima di fare questo matrimonio… dobbiamo chiarire bene quest/quell’altro aspetto
  • È un matrimonio a tre…
  • Non siamo mica ancora sposati!
  • Proviamo a vedere se questo matrimonio può funzionare…
  • …e cosa portereste in dote?
  • Volete fare le nozze coi fichi secchi?!?
  • Vediamo se c’è qualcosa di più dell’innamoramento iniziale
  • …e allora celebriamo questo matrimonio
  • …ha trovato il Principe Azzurro
  • Finita la luna di miele, occorrerà anche pensare a questo/quell’altro aspetto
  • …e se non dovesse funzionare… ognuno a casa propria

Siamo ovviamente nel pieno della metafora del MATRIMONIO…

…sorpresa, sorpresa: delle tre metafore viste, quella del MATRIMONIO è la meno pericolosa.

Si potrebbe addirittura dire che sia segno che la nostra negoziazione è sulla buona strada: vuol dire essere lontani dal gioco a somma zero della GUERRA, dal finale giá scritto del TEATRO, per provare a costruire una relazione duratura dove il risultato sia maggiore della somma dei vari addendi.

Foto 1: un matrimonio qualsiasi! – Londra ’18 [foto IPA]